Muscoli “Tridà”

Piatto dell’antica cucina spezzina di fine ‘800

Si fanno aprire i muscoli, si tolgono dalle valve, si saltano in olio, aglio, prezzemolo, peperoncino; si sfumano con un po’ di vino bianco ligure, si “triturano”, lasciando i più grossi interi e s’aggiunge infine profumo di timo.

Il composto ottenuto si spalma su crostini di pane casereccio, si decora con 1/2 muscoli più grossi.

Aggiungendo olio e pomodorini freschi e sminuzzati, si ottiene un ottimo condimento per spaghetti o trofie.

Vi aspettiamo al nostro ristorante per farvi assaggiare la nostra versione.

Garantitevi un pranzo o una cena bevande incluse SOLO con i dining bond.

Per info, prenotazioni o solo per salutarci: +39 328 4688876

Polpo degli zavorristi

Piatto della vecchia cucina di Portovenere

Il polpo va fatto bollire, liberato dalla pellicina, e messo, a tocchetti, per 15/20 minuti in aceto bianco e poca acqua.
Asciugato si tritura nel frullatore (anticamente si pestava al mortaio) sino a farne una pasta.
La stessa va bene amalgamata in padella, a caldo, con salsa di prezzemolo, aglio, olio, aceto, capperi e pepe.

Indispensabile riposo 24 ore.

Si conserva sott’olio e si spalma su crostini (anticamente gallette) per aperitivi accompagnato da olive liguri. Può essere usata con aggiunta di olio e salsa di pomodoro, come base di un ottimo sugo per la pasta.

Polpo degli zavorristi

Vi aspettiamo al nostro ristorante per farvi assaggiare la nostra versione.

Garantitevi un pranzo o una cena bevande incluse con i dining bond.

Per info, prenotazioni o solo per salutarci: +39 328 4688876

Frissei (frisceu) di Boraggine con acciuga salata

Volete una ricetta per stuzzicare il palato dei vostri invitati? Le Frittelle di borragine sono indubbiamente un antipasto che non li lascerà indifferenti!
Il segreto? crosticina croccante e frittura asciutta.

La Boraggine è una pianta erbacea, antiossidante e antinfiammatoria. Coltivata come annuale, può raggiungere l’altezza di 80 cm. Ha foglie ovali ellittiche, picciolate, che presentano una ruvida peluria, verdi-scure raccolte a rosetta basale lunghe 10-15 cm e poi di minori dimensioni sullo stelo.
fiori presentano cinque petali, disposti a stella, di colore blu-viola, al centro sono visibili le antere derivanti dall’unione dei 5 stami. I fiori sono sommitali, raccolti in gruppo, penduli in piena fioritura e di breve durata. Hanno lunghi pedicelli.
frutti sono degli acheni che contengono al loro interno diversi semi di piccole dimensioni, da cui si ricava un prezioso olio.

Procedimento

Lavare e asciugare le larghe foglie pelose di Boraggine. Porre al centro un filetto d’acciuga dissalata, chiudere piegando la foglia, passarla nella pastella e friggerla in olio bollente.
Scolare la frittella su carta assorbente e servirla calda.

Pastella consigliata:
Farina bianca 00 + acqua gassata + olio extravergine + uovo + 1 cucchiaino di grappa.
Emulsionata bene (senza grumi)

Consiglio e varianti
Fate attenzione al modo in cui si frigge: l’olio deve essere abbondante e ben caldo; immergete pochi pezzi alla volta e dopo averli dorati e tolti dalla padella, fateli riposare su carta assorbente. Insieme alla pastella si può unire qualsiasi verdura.

Vi aspettiamo al nostro ristorante già dalla prossima settimana. Continuate a seguire i colori delle regioni e non esitate a telefonare per qualsiasi dubbio e/o per prenotazioni.

Garantitevi un pranzo o una cena in promo con i dining bond.

Per info, prenotazioni o solo per salutarci: +39 328 4688876